Il Corriere Sportivo

Friday, December 08, 2006

AVVISO

Purtroppo a causa di alcuni problemi personali, il servizio riprenderà a partire dalla giornata 14. Mi scuso con tutti gli appassionati.

Flavio Coraglia

Monday, December 04, 2006

DICHIARAZIONI GIORNATA 11

PALLACANESTRO MONCALIERI - BLINDO OFFICE VALENZA 69-53
Arioli (coach Moncalieri): "Al di là della vittoria, la cosa che più conta è la prestazione tecnica eccellente. nel secondo quarto si è vista una grande pallacanestro, con un ritmo elevato che Valenza ha patito. Sapevamo che avremmo potuto avere problemi con il loro tipodi gioco, ma abbiamo retto bene, anche se nel finale abbiamo pagato in lucidità, ma è normale quando si spende tanto nel resto della partita. Adesso siamo già proiettati contro Oleggio, perchè sarebbe un peccato andare là deconcentrati e sprecare questa occasione. Valenza ha dimostrato di essere la squadra di grande talento che tutti conoscono e sono stati forse penalizzati dalla condizione dei falli. Mi è piaciuta la prestazione di tutta la squadra. Giusto ha fatto un ottimo lavoro difensivo, è un ragazzo in gamba e sa che mi aspetto sempre di più da lui. E' un giovane molto interessante"
Bjedov (coach Valenza): "L'arbitraggio sicuramente non ci ha aiutato, ma la partita l'abbiamo persa tra il quinto ed il quindicesimo minuto, quando abbiamo perso la testa. Sapevamo che loro sono ottimi nei contropiedi e recuperare su questo campo è un'impresa, siamo stati bravi a provarci e ad avvicinarci. Qualche fischio nel finale poteva essere diverso, ma voglio fare i complimenti agli avversari. Spero di trovarli con noi in testa anche nella gara di ritorno".
====
BIRRA MORETTI AOSTA - EXPO INOX CASSOLNOVO 69-53
Fristachi (coach Aosta): "E' una vittoria che fa morale e, soprattutto, classifica. La difesa è stata molto positiva, confermando l'ottima prestazione vista già contro la Ginnastica. L'attacco è molto migliorato, anche se si può e si deve fare ancora meglio. Sembra che a volte la palla non ne voglia sapere di entrare. Molto positivo Buffa, che si è espresso ai livelli da playoff. Al contrario non mi sono piaciuti Pressanto e German. Nell'ultimo quarto loro sono stati limitati dal nostro ritmo alto. La prossima settimana sarà molto dura, due turni ravvicinati con Valenza e Moncalieri. La prima sarà molto dura, mentre sono convinto che contro Moncalieri ce la potremo giocare, anche se sono primi in classifica".
Zanellatti (coach Cassolnovo): "Non è andato nulla per il verso giusto, è stata la peggior partita del campionato. Non c'è nulla da salvare di questa partita. Nessuno ha giocato secondo le sue possibilità. Nei primi due quarti abbiamo tenuto, poi siamo crollati sia in attacco che in difesa. Penso che sia un problema legato ad alcuni fattori: inanzitutto siamo una neopromossa, ma questo non ci giustifica. Il problema è che stiamo facendo fatica a capire le differenze rispetto alla C2, qui c'è una fisicità molto più elevata e noi non riusciamo ad interpretarla ancora come si deve. Inoltre, manca l'umiltà e l'attenzione. Morale: se non corriamo ai ripari avremo poco futuro. Finora non riusciamo a cambiare rotta. Dobbiamo cercare di essere più determinati".
====
ASTRA BOSTO VARESE - KOPA ENGINEERING CUS TORINO 58-64
Albanesi (coach Varese): "La partita mi è piaciuta molto perchè abbiamo tenuto testa ad una squadra di prima fascia. L'unico rammarico è sulla differenza ai liberi: a noi ne sono stati concessi 7, mentre a loro 28. Diciamo che hanno fatto la differenza. Analizzando la partita, posso dire che la chiave è stata la loro alternanza in difesa, che ci ha spezzato il gioco. Marcello e Randazzo, in attacco, hanno risolto i loro problemi. E' stata una partita tattica, nervosa e punto a punto. A noi manca un giocatore di categoria superiore in grado di cambiare marcia alla squadra"
Fiorito (coach Cus): " Un bel risultato su un campo difficile. Per parte della partita abbiamo avuto un atteggiamento offensivo presuntuoso, senza capire che ci sarebbe voluta più pazienza. L'ultimo quarto è stato positivo per ciò che riguarda la gestione ed il controllo del risultato. Abbiamo fatto un passo indietro per quello che riguarda l'attacco, ma i due punti conquistati sono molto importanti. Nei prossimi due turni ci vuole una mentalità più operaia".
====
RDM ARONA - RI.C.EL. FOLLO 69-66
Guarneri (vice Arona): "Una partita condizionata dalla paura di perdere, quindi giocata male. Nei primi due quarti siamo stati molli in difesa e frettolosi in attacco. Nel terzo quarto abbiamo piazzato un buon parziale, ma Follo è stata brava a recuperare e superarci con Mengoni. La partita è stata punto a punto, fino al sorpasso di Pozzi da tre. L'ultimo tiro loro con Mengoni è andato fuori e così abbiamo vinto. Siamo stati fortunati. Molteni e Barbera assolutamente negativi, mentre Pozzi è stato meno peggio degli altri. adesso ci aspetta Gorla e sarà davvero dura. Stesso discorso per Chiavari. Sarebbe bello fare quattro punti, ma Gorla è davvero un campo difficile".
Lorenzon (Follo): "Una gara difficile, vista anche l'assenza di Bellavista che per noi è importantissimo. I ragazzi hanno dato tutto e secondo me avremmo potuto vincere. Abbiamo perso una bella occasione, perchè l'unica cosa che è mancata è stata il risultato. Ci sarebbero serviti i due punti. Senza dubbio abbiamo bisogno di giocatori, Livio ci avrebbe fatto comodo. Sicuramente nella faccenda non c'è stata malafede, adesso ci stiamo muovendo sul mercato".
====
MAMY OLEGGIO - ECONORD GORLA MAGGIORE 81-84
Magenga (coach Oleggio): "I primi due quarti abbiamo giocato molto bene, poi nel terzo abbiamo avuto un completo sbandamento, che ha consentito a Gorla di rientrare in partita. E' una cosa che ci sta capitando frequentemente, con passaggi a vuoto nelle rotazioni. Si lavorerà per migliorare sotto questo aspetto. E' strano che la Gorlese non abbia raggiunto il bonus, ma sono parole che lasciano il tempo che trovano, la colpa è stata nostra".
Saini (coach Gorla): "Una vittoria meritata sotto tutti i punti di vista. Siamo stati determinati e concentrati per 40'. Una vittoria che ci premia a livello di squadra, sia in difesa che in attacco. Nei primi due quarti loro sono stati molto bravi a servire in area Coerezza e Buschini, che sono stati dominanti. Siamo stati bravi ad aggiustare gli aiuti e ad approfittare del calo di percentuale di Remonti. Siamo riusciti così a portare la partita sui nostri ritmi. Negli ultimi due quarti loro sono calati fisicamente ed è venuta fuori la nostra freschezza".
====
COELSANUS CAMPUS VARESE - SAN GIORGIO CHIAVARI 94-75
Vescovi (coach Varese): "Abbiamo giocato bene, con una discreta difesa. Nel terzo quarto abbiamo dato il break decisivo. Una vittoria di squadra, dove tutti sono stati determinanti. La prossima partita sarà molto dura, perchè Follo sta attraversando un momento difficle e vorranno conquistare a tutti i costi i due punti. Noi dovremmo giocare almeglio perchè è ora di capire se vogliamo aspirare all'alta classifica o puntare al limbo della metà classifica che è un atteggiamento rischioso".
Lupi (coach Chiavari): "Loro sono un'ottima squadra. Abbiamo interpretato male l'atteggiamento difensivo, nonostante una buona prova in attacco. Siamo in un momento di grosso abbattimento fisico, con Tassisto e Gilardino infortunati. Però non è certamente un alibi. La squadra deve imparare ad ascoltare, perchè in settimana le squadre sono studiate allo sfinimento, poi in partita facciamo esattamente il contrario di quanto detto. Si devono eseguire le cose fatte in settimana e capire che questo è un campionato nazionale, con giocatori che puniscono gli errori commessi. Sono decisamente arrabbiato con la mia squadra".
====
TARROS LA SPEZIA - ISCOT AUXILIUM TORINO 73-67
Bertieri (coach La Spezia): "Una partita decisamente non facile, considerando che loro arrivavano da due vittorie consecutive contro ottime squadre, quindi erano molto motivati. Sono partiti subito molto forte e si è visto che erano qui per vincere. Abbiamo fatto molta fatica contro la loro intensità difensiva. C'è molta soddisfazione per questa vittoria, perchè hanno dimostrato di essere una squadra che si trova in una posizione di classifica che gli sta stretta. Abbiamo conquistato due punti molto importanti in termini di classifica. I miei ragazzi si sono comportati molto bene nel complessivo, ma vorrei citare le ottime prestazioni di Profeti e Giuri per il lavoro in area e di Carrara, tornato finalmente ai suoi soliti livelli".
Spanu (coach Auxilium): "Una buona gara, siamo stati bravi a rientrare in gara e non far chiudere loro il risultato. Purtroppo alcune leggerezze hanno condizionato il match. ottimo e determinante Roselli".
====
TECNOSTEEL GINNASTICA TORINO - ABA C.R. SALUZZO 69-79
Morra (coach Ginnastica): "Una delusione enorme. Siamo partiti malissimo ed abbiamo fatto tutti gli errori possibili: male in difesa e senza quel carattere che tutti credevamo di avere. Dopo una sconfitta del genere il clima si fa pesante, ma il gruppo è unito. Certo, occorre ritrovare tranquillità. Conti ha fatto un buon esordio".
Tedesco (coach Saluzzo): "Abbiamo giocato una buonissima partita. La preparazione è stata ottima ed è stato messo in pratica tutto il lavoro svolto. I ragazzi hanno dimostrato grande cuore e grande testa. Spero che questo risultato ci porti in alto. Abbiamo migliorato e lavorato molto sui problemi tecnici, adesso continueremo a lavorare duro".
====
Flavio Coraglia

CUS TORINO, DAVIDE CAMPANELLI

Intervista realizzata venerdì 1 dicembre.
=======================
Quali sono stati i tuoi punti di riferimento sportivi?
Il primo eroe è stato senza dubbio Paolo Longhi, play del Cus anni ’90, da ragazzino lo ammiravo ed un giorno mi sono trovato a marcarlo. Un’emozione incredibile. Inoltre inserisco nella lista Bassan, un grandissimo.

Per ciò che riguarda la tua carriera, chi ha contribuito in modo determinante?
Primo fra tutti, Emanuele Di Pasquale, che ha avuto fiducia in me e mi ha inserito in prima squadra da giovanissimo, magari azzardando anche nella scelta. Poi voglio ricordare Morra, grazie al quale ho vissuto gran bei momenti, come la promozione in C1.
Ora alla guida tecnica c’è coach Fiorito, quanto è importante il suo lavoro?
Oltre all’immenso contributo tecnico, fa un grande lavoro dal punto di vista umano, è sempre disponibile e ci tiene ad avere un ottimo rapporto con tutti noi. C’è un grande dialogo e se qualcosa non è chiaro, è sempre pronto a dare spiegazioni.
Questo è un anno dalle grandi aspettative, dove credete di poter arrivare?
(Con gesto scaramantico, ndr) Innanzitutto vogliamo migliorare il risultato dello scorso anno. Dobbiamo iniziare ad arrivare ai playoff, una volta raggiunto questo traguardo dobbiamo fare il meglio possibile. È un campionato altamente competitivo, a differenza delle stagioni passate, non ci sono squadre che primeggiano nel modo più assoluto, quindi i giochi sono sempre aperti. Ai playoff non ci saranno favorite.
C’è chi dice che senza Marcello, la qualità del Cus scende molto. Cosa ne pensi?
Lui è un grandissimo giocatore ed una punta offensiva eccellente, ha un carattere ottimo e da giocatori così c’è sempre da imparare, dà sempre consigli utili su quanto puoi dare in campo. Senza di lui la squadra cambia perché non c’è una certezza offensiva, ma il nostro gruppo ha individualità che possono sopperire alla mancanza di Massimiliano.
Tra i tuoi avversari, chi ammiri di più?
Barbero, che è un ex, è un giocatore che stimo molto. Porcella, della Ginnastica, è uno dei miei preferiti per tecnica e talento e poi c’è Oberto, senza dubbio un grande giocatore.
Stessa domanda, per i compagni di squadra…
Adesso come adesso sono tutti da ammirare, perché danno qualcosa di importante, anche chi ha un lavoro ed una famiglia da portare avanti, spesso con i figli. Vorrei citare due ex, Nasari e Arlotto, per la grinta ed il talento messi in campo.
Nasari sta trovando qualche difficoltà a Saluzzo…
Purtroppo Marco ha bisogno di spazio e sente molto la pressione. Il bello del Cus è che si può lavorare tranquillamente senza alcuna pressione da parte della società.
Come ti comporteresti se arrivassero occasioni da serie superiori?
È il mio sogno nel cassetto. Mi piacerebbe vedere cosa vuol dire giocare in serie superiori alla C1. Accetterei sicuramente, sarebbe una bella scommessa.
Quanto è importante giocare nel Cus?
Questa società mi ha dato tanto, ha sempre creduto in me, inserendomi prestissimo in prima squadra. Mi ha sempre aiutato in tutto quello che ho fatto. All’inizio è stata dura, credo mi abbia fatto bene anche il maggior “nonnismo” presente ai miei esordi, credo che sia stato molto utile alla mia crescita.
Cosa pensi dei giovani cussini attuali?
Penso che Stodo sia un ottimo elemento e che sia pronto per competere, stesso discorso per Cotrufo, un ottimo elemento. Per quanto riguarda Manuele (Torta, ndr) è stato capace di ambientarsi subito ed avere ottimi rapporti con ognuno di noi. Penso che gli manchi l’esperienza, ma in allenamento ha due ottimi maestri come Simoni e Olivero che lo stanno forgiando.
Flavio Coraglia

Monday, November 27, 2006

DICHIARAZIONI GIORNATA 10

BLINDO OFFICE VALENZA – TARROS LA SPEZIA 83-75
Bjedov (coach Valenza):
“Ci aspettavamo una partita difficile, loro sono una squadra molto pericolosa. Infatti noi non siamo mai riusciti ad uccidere la partita ed abbiamo vinto con difficoltà, ma meritando. Lilliu ci ha dato molte difficoltà, segnando anche tiri che potevano sembrare impossibili. Anche Profeti si è dimostrato un ottimo giocatore, ma in due non possono vincere contro di noi. L’esordio di Ferrero è più che positivo, ha dimostrato di essere un giocatore importante per il nostro gioco e per il nostro futuro”
Bertieri (coach La Spezia): “Loro sono senza dubbio un’ottima squadra. È stata una partita diversa da tutte le altre disputate finora, difatti mentre nelle gare passate abbiamo sempre guidato e poi lasciato spazio alla fine, in questa abbiamo sempre inseguito. Abbiamo avuto problemi in difesa e abbiamo patito la loro maggiore atleticità. Inoltre Ferrero ci ha creato parecchi problemi, dimostrando di essere un giocatore da categoria superiore. In attacco abbiamo avuto un grande Lilliu, ma poca roba dai compagni. Poche alternative. Ha senza dubbio vinto la squadra migliore ed aver giocato alla pari con loro fa molto ben sperare per il futuro. Noi affrontiamo ogni partita per vincere e anche oggi è stato così”.
==================
SAN GIORGIO CHIAVARI – ISCOT AUXILIUM TORINO 75-89
Spanu (coach Auxilium):
“Sono molto soddisfatto della partita. L’avvio non è stato molto positivo, ma i ragazzi hanno saputo reagire molto bene. Abbiamo giocato una buona partita, caratterizzata però da troppe fasi alterne, nelle quali ci deconcentriamo, offrendo agli avversari la possibilità di tornare in partita. Molto bene Roselli e Tonin, decisivi con i loro punti. Adesso dobbiamo continuare a lavorare con serietà, soddisfatti di questi due punti”.
==================
EXPO INOX CASSOLNOVO – RDM ARONA 78-75
Zanellati (coach Cassolnovo):
“E’ stata una partita tesa, perché entrambi avevamo bisogno di punti. Era indispensabile vincere, adesso è indispensabile giocare sempre meglio. Siamo stati bravi a prendere vantaggio nei momenti decisivi, nonostante gli alti e bassi della gara. Mi è molto piaciuta la reazione nel terzo quarto, quando siamo stati sotto di 8 punti: abbiamo recuperato con tenacia. Ci sono miglioramenti da fare, specialmente sotto l’aspetto tecnico, anche perché in casa è possibile avere certe reazioni d’orgoglio, ma fuori è più difficile. Ci manca ancora la qualità per essere sempre competitivi”.
Guarneri (vice Arona): “I problemi ci sono e dipendono molto dalle poche rotazioni disponibili e dai problemi di falli. Nove convocati e otto effettivamente disponibili, dato l’infortunio di Prato, sono davvero troppo pochi per pensare di essere competitivi. Non abbiamo giocato male, ma le gambe non reggono.Sicuramente si andrà sul mercato, tra due settimane proveremo Alessandro Mambretti, proveniente dalla B1 di Como. Si allenerà con noi, appena si sarà rimesso dall’infortunio al tendine rotuleo che lo ha tenuto fuori negli ultimi mesi”.
===================
RI.C.EL. FOLLO – ASTRA BOSTO VARESE 66-71
Lorenzon (coach Follo):
“Rispetto all’ultima gara c’è stata una buona reazione, con recuperi anche di passivi di 10 punti. Hanno determinato la sconfitta la stanchezza e la mancanza di lucidità, ma i ragazzi hanno interpretato molto bene la partita. Varese ha vinto perché ha giocato indubbiamente bene, con Bini a mettere canestri decisivi nel finale. Noi siamo stati al loro livello, ma non abbiamo ancora quella qualità decisiva per portare a casa i due punti”.
Albanesi (coach Bosto): “Abbiamo condotto la partita per 38 minuti, abiamo meritato senza dubbio la vittoria. Loro sono rimasti in piedi solo grazie ad alcune nostre disattenzioni. Follo ha qualche problema, perché si attacca esclusivamente alla coppia Mengoni-Bellavista, che è il vero asse portante della squadra”.
====================
TECNOSTEEL GINNASTICA TORINO – BIRRA MORETTI AOSTA 58-50
Morra (coach Ginnastica):
“Una vittoria sofferta. Siamo arrivati in riserva di carburante nel finale, questo a dimostrazione che siamo in un periodo di emergenza. Più che loro, abbiamo patito il nostro stesso gioco. Adesso speriamo che dal mercato arrivino buone nuove notizie”.
Fristachi (coach Aosta): “Decisamente una buona partita, perché tenere a 58 punti la Ginnastica non è una cosa facile da fare. Purtroppo continuiamo ad avere grossi problemi in attacco e l’infortunio a Chenal, un taglio all’occhio dovuto ad un’unghiata, non ci ha aiutati, avendolo costretto all’uscita anticipata dai giochi. Vogliamo uscire da questo periodo ed abbiamo giocatori che nelle passate stagioni hanno sempre segnato, quindi non ci resta che attendere tempi migliori. Un problema che va ad aggiungersi a quello delle rotazioni”.
=======================
KOPA ENGINEERING CUS TORINO – MAMY OLEGGIO 83-66
Fiorito (coach Cus):
“Una bella partita. Li temevamo soprattutto per le individualità, Remonti e Coerezza, in particolare. Abbiamo disputato un’ottima prima frazione, con una difesa forte ed un attacco pieno di idee. Il terzo quarto è stato decisivo, con un’ottima difesa sia sulla palla che sul lato debole. È già la terza partita che teniamo un gran ritmo su tutti quattro i quarti. I giovani hanno ancora un minutaggio limitato perché non sono ancora pronti ad affrontare il campo: Torta e Tassone non sono ancora pronti per la fisicità di queste partite, mentre Cotrufo l’ho tenuto in panchina data l’ottima partita di Campanelli, Rispoli e Marcello”.
Magenga (coach Oleggio): “Abbiamo obiettivi differenti per questo campionato, ma si può dire che abbiamo retto il campo per 25 minuti. Poi c’è stato un calo nervoso prima che tecnico, che ha compromesso la nostra partita. Penso che il punteggio sia un po’ troppo duro in rapporto al gioco da noi espresso. La chiave della partita sono stati i numerosi mismatch a loro favore sugli esterni”.
========================
ECONORD GORLA MAGGIORE – COELSANUS CAMPUS VARESE 79-67
Saini (coach Gorla):
“Una bellissima partita, giocata senza tatticismi da entrambe le squadre, piena di ritmo. Anche piena di errori, però. Entrambi eravamo preoccupati di coprire bene l’area, quindi alla fine ha avuto la meglio la squadra che ha tirato da fuori con più precisione. Sono molto soddisfatto della prestazione di Torta, fenomenale al tiro contro la zona, della difesa di Giannone e delle cose importanti fatte vedere dal recuperato Giglio. Ma è la squadra nel suo insieme che mi è piaciuta molto”.
Monti (addetto stampa Campus): “No, dai in trasferta non ti dico nulla. Va bene quando giochiamo in casa, ci può stare, ma in trasferta no dai… Ciao eh… ciao, ciao….”
=========================
C.R. SALUZZO – PALLACANESTRO MONCALIERI 65-72
Tedesco (coach Saluzzo):
“Una partita giocata bene, ma sono stati decisivi i nostri limiti tecnici, che fortunatamente sono stati individuati e sui quali lavoreremo in settimana. Andiamo avanti con fiducia. Il problema più grave riguarda Bussotti, suo malgrado: a causa del suo lavoro, arriva sempre alle 21, quindi è impossibile aspettarsi una buona partita. Spero che la società trovi un rimedio, magari cercando un nuovo lavoro al giocatore o mettendosi d’accordo con i suoi datori di lavoro, perché così è difficle la situazione”.
Arioli (coach Moncalieri): “Nei primi due quarti la partita è stata sempre in equilibrio, con Saluzzo sempre avanti grazie al dominio a rimbalzo. Dopo l’intervallo siamo riusciti ad arginarli e ad aumentare la precisione al tiro. Giusto, Agazzani e Boella sono stati determinanti con le loro triple. L’obiettivo era quello di rompere la loro organizzazione di gioco e ci siamo riusciti visto le prove di Bussotti e Nasari. Desidero anche sottolineare l’ottima difesa di Arlotto. Abbiamo patito molto Comino, l’unico davvero immarcabile in questa partita. La prossima partita con Valenza ci dà molte motivazioni, cercheremo di mettere qualche sassolino nei loro ingranaggi”.

Flavio Coraglia

GINNASTICA, ALESSANDRO PORCELLA

Intervista realizzata venerdì 24/11/06

Tocchiamo subito il tasto dolente: cosa è successo contro l’Auxilium?
Sicuramente non li abbiamo sottovalutati, ci hanno preso di sorpresa sul ritmo della partita, non abbiamo tenuto il passo contro la loro intensità. La nostra grande pecca, che si sta ripetendo spesso e sulla quale dobbiamo lavorare, è stato l’attacco contro la zona press. Arriviamo in attacco e non finiamo i giochi. L’unico fuori dagli schemi poteva essere Oberto. Inoltre loro erano in gran serata, con un ottimo Tonin. Senza contare che non avevano Gianotti e Andreo. Ottimi senza dubbio.

Se dovessi fare un bilancio della tua carriera, cosa metteresti in cassaforte?
Sicuramente le finali nazionali giovanili con l’Auxilium, dove tra l’altro siamo arrivati per due volte terzi. Sempre in tema, conservo ancora gelosamente la lettera di convocazione nelle nazionali giovanili. All’inizio non ci volevo credere, telefonai a Danna per dirgli della lettera e lui mi fece i complimenti dicendomi che lo sapeva già, che era stato avvertito. Ero al settimo cielo.
Poi metterei la prima esperienza vera e propria da senior con Collegno in B2. Ero stato convocato con la A, ma non avevo mai messo piede in campo. Una bellissima esperienza ugualmente, data la possibilità di allenarmi con quell’Auxilium.
Dopo è venuta Alba, anni stupendi con partecipazioni continuate a playoff toccando sempre finali e semifinali. Una società ed un ambiente super.
Infine la Ginnastica: sicuramente il ricordo più bello è legato ai playoff al primo anno, da neopromossa. Nel cassetto metto anche l’ottimo rapporto con i compagni di squadra e con Saggiorato. Un ricordo emozionante è il derby con il Cus in playoff, una settimana incredibile, con gli spalti sempre pieni ed il tifo scatenato.

Sempre in tema di ricordi: Gaetano Porceddu. Prima tuo allenatore nelle giovanili Auxilium ed ora dirigente alla Ginnastica…
Con lui ho un rapporto stupendo. Insieme a Saggiorato, mi ha voluto qui a Torino. Credo che sia una figura molto importante per la squadra, perché sta portando la professionalità imparata all’Auxilium e sta cercando di trasformare tutto l’ambiente Ginnastica in un ambiente molto più professionistico, naturalmente con le dovute proporzioni che ci devono essere tra una A ed una C.

Quanto e cosa è cambiato alla Ginnastica dal tuo arrivo?
Moltissimo. La società sta facendo enormi sforzi per rendere più professionistico l’ambiente, come detto, con l’aiuto di Porceddu. Dal settore giovanile, al coordinamento delle attività, alle sponsorizzazioni, alle preparazioni atletiche ed alla cura del fisico. Trovo che sia anche un’ottima cosa la collaborazione con la Crocetta.

Una prestagione all’insegna del mercato, culminata con l’acquisto di Oberto. Poi l’infortunio. Quanto ha inciso sul vostro gioco?
Era il nostro punto di riferimento sull’esterno per la creazione di un tiro. La nostra filosofia è il contropiede, ma nei momenti difficili, Simone è detrminante. Ci manca il suo estro, si è sentito il contraccolpo. In allenamento stiamo lavorando per rimediare alla situazione, stiamo cercando l’assetto adatto e valide alternative. Una ad esempio è Bassan in posizione di 3.

Quanto sono importanti i giovani per voi?
In un campionato come questo sono importantissimi. Inoltre con la regola dei quattro under, avere giovani di qualità è fondamentale. Novarese è un ragazzo molto in gamba, è arrivato da nuovo in un ambiente trasformato ed ha saputo conquistarsi i suoi minuti, nonostante la presenza di forti individualità come Bassan, Oberto, Robotti, per fare alcuni nomi. Ha dimostrtato di saper e poter stare in campo. Anche Rivoira è riuscito a guadagnare i suoi minuti, nonostante sia il suo primo anno in C1 e arrivi da un anno di stop.

E poi ci sono i senior…
L’esperienza conta. Con i giovani puoi fare un gioco spumeggiante, ma con l’esperienza arrivi più lontano, infondi tranquillità nei compagni. I giovani entrano in campo più tranquilli se sanno che al proprio fianco c’è un giocatore d’esperienza.

Parliamo di coach Morra…
Sono rimasto molto dispiaciuto quando Saggiorato è andato via, perché è lui che mi ha portato qui, ma è arrivata una persona di cui ho grande stima, Morra appunto, che tra l’altro mi ha già allenato a Collegno, quindi non è mai stato uno sconosciuto. È capace di creare gruppo, ho uno splendido rapporto con lui. Dal punto di vista tecnico posso dire che si lavora molto bene, mette la giusta intensità in allenamento ed ha un’idea del basket uguale alla mia, ovvero difesa forte e contropiede.

Ultima domanda: hai due figli (un bimbo e una bimba, ndr), seguiranno le orme del padre?
Mi farebbe molto piacere se si appassionassero a questo sport. Il più grande mi ha già dato molte soddisfazioni quando una sera, guardando la televisione mi ha detto “che barba papà, c’è solo calcio!”… Promette bene!

Flavio Coraglia

Sunday, November 26, 2006

ANTICIPAZIONI

Nella mattinata di domani saranno disponibili le dichiarazioni dei coach e l'intervista integrale ad Ale Porcella, pubblicata sul Corriere in forma ridotta per motivi (sic...) di spazio.

A domani mattina, allora!!!!

Flavio Coraglia

Wednesday, November 22, 2006

AUXILIUM: PRECISAZIONE DI SPANU SU ROSELLI

Marco Spanu (coach Auxilium): "Ha avuto un avvio molto positivo, poi sulla distanza è calato. Ciò non toglie che per noi in questa stagione sarà molto importante il suo contributo in campo".

Flavio Coraglia

Ringrazio Serena Mattiuzzo (Addetta Stampa Auxilium) per la segnalazione.

Monday, November 20, 2006

DICHIARAZIONI GIORNATA 9

BIRRA MORETTI AOSTA – ECONORD GORLA MAGGIORE 79-72
Frosini (dg Aosta):
“L’ingresso di Calamia ha cambiato la partita, permettendo di recuperare il passivo di dodici punti iniziali e portando il suo essenziale contributo alla partita. Questa vittoria dà morale all’ambiente, fortemente tormentato dai problemi societari e di risultati. Ci sono anche novità per quanto riguarda Jaworski, infatti gli avvocati si appelleranno al Tar. La risposta dovrebbe arrivare tra un mese o poco più”
Saini (coach Gorla): “Purtroppo abbiamo pagato la scarsa prestazione dell’attacco contro la loro difesa a zona. Si è cominciato nel modo giusto, ma sulla lunga sono stati decisivi i numerosi tiri sbagliati da fuori area. Abbiamo sbagliato a lasciargli dettare i ritmi di gioco, molto bassi. L’assenza di Giglio si sta rivelando determinante. Non c’è nulla da rimproverare per ciò che riguarda l’impegno, che è stato ai massimi livelli, purtroppo come detto, la loro zona ha fatto la differenza. Il supplementare infine, è stato per loro solo di contenimento. Sono stati molto bravi a reagire alla pressione dovuta ai problemi societari”.
===========================================
EXPO INOX CASSOLNOVO – KOPA ENGINEERING CUS TORINO 72-82
Zanellati (coach Cassolnovo):
“Siamo partiti decisamente male e deconcentrati nel primo quarto e loro hanno preso un break decisivo. Siamo andati meglio nel terzo quarto, ma abbiamo sprecato troppe energie per recuperare il brutto avvio di gara. Loro sono un’ottima squadra e hanno saputo amministrare molto bene il vantaggio. In aggiunta, i nostri problemi difensivi sono diventati evidenti quando c’è stato da contenere Marcello, che ha saputo trascinare i compagni. Sicuramente è fuori categoria. Per vincere avremmo dovuto essere ottimi e loro sottotono, purtroppo è stato il contrario. Non potevamo vincere così”
Fiorito (coach Cus): “I primi due quarti siamo partiti molto bene, con Randazzo protagonista di un’ottima regia. La nostra difesa ha saputo adattarsi perfettamente ai loro piccoli e sono convinto che il vantaggio sia stato pienamente meritato. Dopo l’intervallo loro sono decisamente saliti in intensità, ma noi siamo stati capaci ad adattare la difesa al loro gioco. Abbiamo fatto più zona del previsto, anche perché tra infortuni (Stodo influenzato e Perissinotto con i postumi di Moncalieri ndr) e problemi di falli, abbiamo avuto problemi di rotazioni. Eccellente la difesa di Campanelli su Sala. Abbiamo avuto la stessa mentalità vista contro il Follo: un esempio lampante che le lezioni servono, l’importante è imparare e reagire”.
===========================================
ASTRA BOSTO VARESE – SAN GIORGIO CHIAVARI 82-53
Albanesi (coach Bosto):
“Abbiamo giocato la nostra miglior partita della stagione contro una matricola di alto livello. Abbiamo saputo evitare tutti i nostri errori soliti, in primis abbiamo azzeccato le cose facili. Siamo stati anche ottimi in fase difensiva. Voglio sottolineare l’ottima prova di Tocchella, che raccoglie finalmente i frutti del duro lavoro che svolge in settimana, quando è il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via. Questi 27 punti sono un eccellente risultato. Adesso ci aspetta un momento favorevole di calendario, dove affronteremo squadre al nostro livello e avremo la possibilità di portare a casa punti preziosi”.
Lupi (coach Chiavari): “Abbiamo pagato un grosso calo di concentrazione su un campo difficile come quello di Varese. Imperdonabile, siamo tutti colpevoli, abbiamo fatto tutto il contrario di ciò che si sarebbe dovuto fare, soffrendo anche la loro ottima difesa. Adesso ci attende la sfida contro l’Auxilium, ci sarà bisogno di una concentrazione massima e su questo sarà approfondito il lavoro settimanale”.
===========================================
RDM ARONA – BLINDO OFFICE VALENZA 75-78
Guarneri (vice coach Arona):
“Siamo preoccupati per il forte contraccolpo psicologico che questa sconfitta porta con sé. Abbiamo perso per episodi. Penso che il problema consista nel fatto che abbiamo giocatori forti individualmente e che questo porti a desiderio di protagonismo. Non è colpa di nessuno, ma la voglia di fare molto, porta a molti errori”
Bjedov (coach Valenza): “Abbiamo giocato molto bene i primi due quarti. Nel secondo tempo abbiamo pagato qualche errore di troppo in fase difensiva e loro ne hanno saputo approfittare, anche se gli errori in attacco potevano costarci caro. Ronco e Magnone sono stati ottimi sotto canestro, mentre Molteni e Barbero ci hanno creato non pochi problemi quando attaccavano la nostra difesa”.
===========================================
MAMY OLEGGIO – CR SALUZZO 73-53
Magenga (coach Oleggio):
“E’ da qualche partita che il nostro gioco rispecchia l’ottimo lavoro svolto in allenamento, questo porta ad evitare sbandamenti nei momenti decisivi e arriva ad una buona espressione di pallacanestro. Adesso ci aspetta la sfida contro il Cus, impegno estremamente delicato e difficile, anche perché in casa loro è molto dura portare a casa un risultato utile. L’organizzazione e la concentrazione saranno fondamentali”
Tedesco (coach Saluzzo): “Il punteggio finale è eccessivo in relazione a quella che è stata la partita ed è frutto dei canestri su fallo sistematico. In ogni caso non ci sono scuse: abbiamo giocato male e commesso molti errori, senza dubbio la vittoria di Oleggio è giusta e meritata. Ci sarebbe anche molto da dire sul nostro 14/29 ai liberi, fatale se si vuole rimanere in gara”.
===========================================
COELSANUS CAMPUS VARESE – PALLACANESTRO MONCALIERI 78-76
Arioli (coach Moncalieri):
“Fino a quando si è trattato di mettere in campo la tecnica abbiamo tenuto in mano l’incontro, come dimostrano i risultati delle prime due frazioni (9-20, 31-38 ndr), ma quando loro hanno alzato l’intensità fisica noi abbiamo subito molto i loro colpi, perdendo terreno. Ci siamo lasciati intimorire e dobbiamo imparare a reagire a questi climi, anche se una maggiore tutela degli arbitri sarebbe stata ben accetta. Non ho nulla da recriminare ai miei giocatori, che sono stati protagonisti di un’ottima prova contro una delle favorite alla promozione. L’unico rammarico può essere caratterizzato dai troppi errori ai liberi. Questa esperienza deve servire al processo di maturazione della squadra. Sono rimasto colpito favorevolmente dalla prestazione di Colombo, credo che sia un giocatore molto importante per il gioco del Campus, che con lui in campo è parsa nettamente più forte. La prossima partita a Saluzzo sarà molto dura e noi arriveremo anche un po’ acciaccati da questa partita (Boella sette punti di sutura per una gomitata, ndr), ma siamo tranquilli, sereni e certi di poter esprimere al meglio il nostro gioco”
===========================================
ISCOT AUXILIUM TORINO – TECNOSTEEL GINNASTICA 69-49
Spanu (coach Auxilium):
“Dopo la sbandata di Valenza abbiamo saputo reagire nel migliore dei modi azzeccando tutte le mosse tattiche, a prova che l’ottimo lavoro settimanale porta i suoi frutti. Tengo molto a ringraziare la società perché ci permette di lavorare in completa tranquillità, senza farci pesare alcuna pressione. Noi crediamo molto in questa squadra e molto dobbiamo anche lavorare per renderla sempre migliore. Roselli ha avuto una prestazione opaca dovuta principalmente alla bassa condizione atletica, ma sono pienamente convinto che si tratti di un giocatore importantissimo per il nostro gioco”
Morra (coach Ginnastica): “Non ho parole. Un attacco disastroso che ha patito la loro forte aggressività difensiva. Non ci sono scuse. Si potrebbe parlare di una giornata no, ma in trasferta si stanno ripetendo spesso queste situazioni. Molti nostri giocatori in casa sono totalmente diversi dalla trasferta. Il nostro reparto guardie è sicuramente in difficoltà senza Oberto, non possiamo chiedere a Tarello e Schiavone di sostituire Simone. Ci avrebbe fatto comodo la presenza di Gian Nicola Ferrari, ma l’affare non è andato in porto. Peccato”.
===========================================
TARROS LA SPEZIA – RI.C.EL FOLLO 89-60
Bertieri (coach La Spezia):
“Sono contento della prestazione dei miei ragazzi, ho visto un’ottima difesa. Una vittoria meritata contro una squadra decisamente importante. L’unico rammarico rimane l’infortunio a Santoni”
Lorenzon (coach Follo): “Abbiamo iniziato la gara con errori madornali. La debacle di Mengoni è stata determinante, inoltre la nostra percentuale al tiro è stata pessima. Adesso non resta che da lavorare sugli errori commessi per riscattarci già dalla prossima”.
===========================
Flavio Coraglia

Sunday, November 12, 2006

DICHIARAZIONI 8a GIORNATA

BLINDO OFFICE VALENZA - ISCOT AUXILIUM TORINO 80-51
Bjedov (coach Valenza): "A parte alcune scelte azzardate nei primi due quarti, abbiamo dominato per 40', sicuramente nel terzo e quarto periodo abbiamo attaccato meglio. Loro hanno cercato di tenere i ritmi elevati in difesa, ma sono calati quando abbiamo aumentato la pressione in attacco. Sono molto soddisfatto della prova di Serafin. Le prossime partite saranno estremamente difficili, su campi duri da conquistare. Cercheremo come al solito di fare del nostro meglio per portare a casa qualche punto".
Spanu (coach Iscot): "Abbiamo giocato bene i primi due quarti. Dopo l'intervallo abbiamo avuto il solito calo di intensità. Nessuno pensava di venire qui e dominare Valenza, ma perdere così non va bene. Per Roselli è stata una partita di rodaggio, si è comportato bene".
====
PALL. MONCALIERI - RDM ARONA 60-50
Arioli (coach Moncalieri): "In alcune parti della gara abbiamo avuto dei cali di lucidità, forse dovuti alla stanchezza o alla pressione per il primo posto, ma non posso certo lamentarmi. Siamo stati grandi a leggere il gioco di Arona che, come noi, è una squadra senza punti di riferimento. L'obiettivo di stasera era interrompere la comunicazione tra di loro ed è stato centrato in pieno. La svolta c'è stata negli ultimi due quarti, quando ci hanno premiato le nostre scelte difensive. Più che il primato in classifica, mi soddisfa aver messo in cassaforte punti importanti pensando alla lunga distanza, certo fa piacere essere sopra tutti. Sono convinto che questo campionato si arricchirà di altri talenti, perchè è fortemente equilibrato e molti correranno a rinforzarsi nelle serie maggiori, come ha fatto l'Auxilium con Roselli (B1 a Brindisi ndr)".
Lazzarini (coach Arona): "Ad un certo punto siamo spariti dalla partita. Ciò non toglie che loro si siano completamente meritati la vittoria. Il problema principale è che non abbiamo la condizione per reggere 40', difatti abbiamo prevalso nei primi due quarti, quando la partita è aumentata di intensità, la nostra intensità è scomparsa. L'attacco ha sbagliato cose facili, non so come rimediare alle lacune offensive, purtroppo paghiamo le assenze agli allenamenti e le poche esperienze di cinque contro cinque. Per vari fattori, non riusciamo ad allenarci con la costanza necessaria. C'è bisogno di lavorare duro, con allenamenti intensi in settimana, per sollevare le sorti della squadra".
====
SAN GIORGIO CHIAVARI - MAMY OLEGGIO 79-74
Lupi (coach Chiavari): "Una partita decisamente difficile contro una squadra dura ed esperta. Sono pienamente soddisfatto dei miei ragazzi. Abbiamo saputo bloccare remonti dalla linea dei tre punti, e per loro è stato un duro colpo, senza dubbio. Siamo in striscia, dovevamo assolutamente vincere per mantenere le distanze sulle concorrenti dirette e ci siamo riusciti perfettamente, per questo risultato è da elogiare il gruppo e la sua voglia di vincere. Il prossimo turno, contro Bosto, sarà duro. Loro in casa sono veramente forti e nel trio Tocchella-Gorini-Bini, hanno un prezioso punto di riferimento".
Magenga (coach Oleggio): "Sono soddisfatto. La squadra ha giocato del buon basket. Siamo stati penalizzati un po' troppo dal metro arbitrale negli ultimi minuti di gioco, quando sopra di un punto, non ci siamo più visti fischiare qualcosa a favore. La squadra ha giocato bene, con l'intensità giusta. Ci sono alcune cose da aggiustare sia in attacco, dove abbiamo troppa fretta a fine cronometro, sia in difesa, dove lasciamo troppo spazio a tiri facili. Dobbiamo aumentare l'intensità degli allenamenti, è essenziale per essere competitivi in C1. E' anche vero che è un periodo nero, dal punto di vista degli infortuni, questa sera Coerezza è uscito con un problema agli adduttori e va ad aggiungersi alla lista infortunati, anche se spero sia pronto per la prossima. Dobbiamo lavorare con fiducia per il futuro".
====
RI.C.EL FOLLO - KOPA ENGINEERING CUS TORINO 84-90
Lorenzon (coach Follo): "E' stata una partita dai volti diversi, nei primi due quarti abbiamo fatto molto bene, dopo l'intervallo è arrivata la loro reazione. Hanno aumentato la pressione difensiva e giocato molto sulla fisicità, che noi abbiamo subito. Grazie a questo hanno chiuso il divario di dodici punti che ci separava dopo i primi venti minuti. abbiamo saputo reagire, ma abbiamo commesso troppi errori, dei quali loro hanno naturalmente saputo approfittare. Rimane l'amarezza per un risultato che potevamo portare a casa, se solo avessimo avuto un po' più di lucidità. Per vincere dobbiamo capire che bisogna giocare tutti i quarti al massimo, bisogna ragionare di più. Marcello non ha sbagliato nulla, è stato la nostra spina nel fianco".
Fiorito (coach Cus): "E' stata una vittoria del gruppo, anche se Marcello ha davvero giocato sopra le righe. Sono contento innanzitutto perchè i ragazzi hanno dato una risposta forte alle critiche del dopo-Chiavari, adesso è fondamentale la continuità. Nella prossima partita ci attende una squadra come Cassolnovo, una formazione dura da battere. Ci servirà lo spirito di sacrificio che si è visto stasera, unito alla voglia di imprimere il proprio marchio sulla partita".
====
COELSANUS CAMPUS VARESE - BIRRA MORETTI AOSTA 90-53
Monti (a.s. Campus): "Partita semplice, amministrata anche grazie alla panchina lunga. Nonostante i 32 punti di Chenal, loro non ci hanno dato mai problemi, come si nota dal risultato. Anzi, gli ultimi quattro minuti loro sono rimasti a secco. Dei nostri, vorrei sottolineare le ottime percentuali al tiro di Mondello, l'ottima difesa di Colombo e la buona prestazione complessiva di Santambrogio".
====
TECNOSTEEL GINNASTICA TORINO - ASTRA BOSTO VARESE 93-72
Morra (coach Ginnastica): "Mi è piciuto l'atteggiamento della squadra molto positivo, è stata una buona partita nel suo complesso. Mi ha fatto piacere poter schierare anche le seconde linee, ragazzi di talento ma che giocano poco come Rivoira e dametto, che hanno fatto molto bene nello spazio concessogli. Se devo muovere delle leggere critiche, potrei farlo al reparto lunghi che ha fatto un po' troppi falli ed alle troppe palle perse durante la partita. Ciò non toglie che è stata un'ottima partita"
Welrich (vice coach Bosto): "Poco da dire: è stata una partita dominata dalla Ginnastica, hanno fatto una partita perfetta. In difesa siamo stati deboli, nonostante i ragazzi abbiano fatto un ottimo lavoro di intensità. Bassan ci ha distrutto dai tre punti".
====
ECONORD GORLA MAGGIORE - EXPO INOX CASSOLNOVO 79-73
Saini (coach Gorla): "E' stata una vittoria importante in termini di classifica, specialmente con Giglio infortunato. Sono veramente soddisfatto per il gioco espresso, specialmente nell'ultimo quarto. E' stato una vittoria importante anche dal punto di vista psicologico, dopo lo stop contro l'Auxilium. non è stato per nulla facile, loro sono un'ottima squadra ed in attacco sono molto precisi ed ordinati. tuttavia siamo stati bravi a metterli in difficoltà con i nostri contropiedi e la nostra intensità. loro sono stati ottimi anche senza Bersani, pedina fondamentale di Cassolnovo. Dei miei premierei Giannone, un classe '86 che nelle ultime due uscite ha tirato fuori grande personalità unita a prestazioni strabilianti, dimostrandosi l'anima della squadra, soprattutto in fase difensiva."
Zanellati (coach Cassolnovo): "Senza dubbio abbiamo fatto passi avanti e tenuto duro in trasferta. siamo caduti l'ultimo quarto dopo una partita dove abbiamo creato molto sia in attacco che in difesa. Sono stati determinanti i rimbalzi persi e la fretta in fase offensiva. Non riusciamo ancora a gestire i vantaggi accumulati".
====
C.R. SALUZZO - TARROS LA SPEZIA 79-75
Tedesco (coach Saluzzo): "Loro hanno condotto una buonissima partita per tre quarti, noi abbiamo giocato bene e saputo approfittare della panchina più lunga, quindi ci siamo trovati più freschi alla fine. La chiave del match per noi è stato ancora una volta Gioria, che sta diventando fondamentale grazie al suo talento. Ha saputo limitare Lilliu, dimostrando di essere un grande giocatore anche in difesa".
Bertieri (coach La Spezia): "E' stata una fotocopia delle partite che abbiamo perso: tre quarti avanti e sconfitta gli ultimi dieci minuti. alla fine abbiamo avuto il solito crollo di lucidità in attacco. C'è un profondo rammarico, perchè ce la possiamo giocare con tutti, invece ci troviamo a dover lottare in una situazione pericolosa. Ci siamo scontrati con un Gioria in gran giornata, ha avuto grande personalità in attacco. ottimo anche Comino. Dei nostri voglio sottolineare la grande difesa di Profeti su Francione, oltre ai soliti Lilliu e Vallini, decisivi per la continuità in attacco, ma che hanno saputo comportarsi molto bene anche in difesa. i nostri problemi sono nei ruoli di 3 e di 4".
====
Flavio Coraglia